Il saluto del presidente Rosa al Consiglio diocesano

Riconosco in questa nomina una chiamata "particolare" che il Signore Dio Padre mio e Padre nostro sta facendo alla mia vita, alla vita dell'Associazione al servizio della Chiesa nella nostra bella e difficile città di Roma.

Sono una donna che nella sua vita ha sperimentato l'amore di Dio Padre buono e nelle varie vicissitudini ed esperienze ha sempre visto la presenza amorevole del Signore e sperimentato la fedeltà di un Dio Padre e Padre Misericordioso e a Lui ha affidato la propria vita.

La scoperta dell'Azione Cattolica la posso definire "una vocazione adulta": mi sono appassionata a questa associazione che è porzione del popolo di Dio che insieme vive la propria esperienza di fede e che offre il proprio servizio alla Chiesa in obbedienza, da laico, con un'apertura verso l'altro chiunque sia l'altro e qualsiasi esperienza ecclesiastica viva. Una passione per i valori e il progetto di Azione Cattolica, un "orgoglio" di essere e di sentirmi aderente a questa associazione. Passione e orgoglio che negli anni ho dovuto difendere.

Da questo i miei ringraziamenti:
* ho avuto modo di ringraziare personalmente S.E. il Cardinale Agostino Vallini che ho incontrato giovedi 4 aprile e che ho ringraziato per la fiducia che ripone nella mia persona, nel consiglio e per tutta l' A.C.;
* ringrazio il Consiglio Diocesano e prima di loro i delegati alla XV assemblea diocesana per il consenso, la stima e la fiducia nei miei confronti;
* ringrazio gli altri componenti della Terna: Marco Caporicci e Andrea Casavecchia. Questo periodo di "attesa" lo abbiamo vissuto con uno spirito di fratellanza e di servizio reciproco al di là di quella che sarebbe stata la scelta per il Presidente;
* ringrazio gli assistenti: i Vice Assistenti Don Gianni, Don Michele e Don Alfredo perché ho sempre avvertito il loro sostegno. Don Sergio il nostro assistente unitario sempre disponibile nonostante i suoi mille e uno impegni e che in questo periodo di "attesa" mi ha ascoltato, sostenuto, incoraggiato. Parlando con il Cardinale ho ribadito quello che già sapeva e cioè che tutti i nostri assistenti sono di grande sostegno e importanti per la nostra associazione locale.
* ringrazio Benedetto il nostro presidente uscente. Negli anni è anche da lui che ho imparato la passione per l' AC. Lo ringrazio per il suo comportamento serio, equilibrato e imparziale, così come ringrazio il nostro Segretario uscente Paola anche per la pazienza che tutti e due hanno avuto nei miei confronti nello scorso triennio!!

Ora tocca a noi! Non a me, a lui, a lei… ma a noi! Un Presidente senza un Consiglio Diocesano non avrebbe senso e un Consiglio Diocesano senza gli aderenti e le associazioni parrocchiali non avrebbe modo di esistere.

Il Signore ha chiamato noi. Ha scelto noi così come siamo! A noi ha affidato questo tempo e non un altro tempo per portare avanti il Suo progetto per far conoscere, a quanti incontreremo sulla nostra strada e nella nostra vita, la bellezza di sentirsi figli amati e fratelli e attraverso l'AC diventare laici formati che sanno stare negli spazi del mondo in cammino al servizio l'uno dell'altro e al servizio dei nostri vescovi e sacerdoti.

Rosa Calabria
Presidente
Azione Cattolica di Roma
Roma, 14 Aprile 2014

 

Condividi