Adulti alla Giornata degli Incontri 2017 - Racconto

Come anticipato, durante la Giornata degli Incontri in Villa Borghese, abbiamo incontrato gli appartenenti al settore adulti che hanno deciso di partecipare a questa giornata di festa, che sia stato per accompagnare i propri figli o semplicemente per la gioia di condividere un momento associativo.

In particolare ci siamo confrontati partendo dalla vita di un uomo di 70 anni, un bambino di 7 anni ed un neonato, che sono stati contempoeanei tra il 1914 ed il 1918, anni segnati da un evento terribile: la prima guerra mondiale.

Cosa hanno avuto in comune queste persone oltre ad essere contemporanei durante uno degli eventi più drammatici della storia?

Erano tutti laici cristiani, e con tutta la loro vita hanno testimoniato la propria fede.

I loro nomi sono, in ordine di “anzianità”:

- Giuseppe Toniolo (Scheda Toniolo);

- Odoardo Focherini (Scheda Focherini);

- Gino Bartali (Scheda Bartali).

Per conoscerli meglio, potete leggere le loro schede allegate.

Tre lampade accese che non sono state nascoste sotto il moggio, ma sono state messe sul candelabro per illuminare gli uomini in alcune delle pagine più nere della nostra storia.

Siamo dell'idea che queste vite non devono essere dei semplici racconti, che ci piacciono e magari ci commuovono, ma devono anche diventare un esempio da seguire. Riteniamo, quindi, che dobbiamo farci interrogare dalle vite di coloro che ci hanno preceduto. Di conseguenza abbiamo provato ad interrogarci con tre semplici domande, riportate nella scheda per la riflessione (Scheda Riflessione), aprendo un dibattito che ci ha permesso di mettere in condivisione un pezzo della vita di ciascuno dei presenti, con buone prassi o difficoltà.

Condividi